venerdì , 22 febbraio 2019

Rinnovo Accordo Nazionale

 Documento Presidenza Nazionale Fenagi Confesercenti

 

fenagi6

“La Presidenza della Fenagi pur apprezzando il lavoro fatto dalla commissione Tecnica esprime però, perplessità circa la enorme dimensione assunta dagli articoli nei quali, spesso, sono riportati interi stralci della norma di riferimento piuttosto che il numero dell’articolo stesso ed il comma.

Considerando che siamo agli inizi della trattativa, il dubbio della Fenagi nasce rispetto l’impatto negativo che potrebbe avere sul lavoro quotidiano dell’edicolante un Accordo Nazionale complicato e redatto con oltre 100 pagine di testo. Anche se l’intento è stato quello di rendere più esplicito il collegamento delle norme contrattuali alla legge, nella speranza che non ci possano essere equivoci in una ipotetica situazione di contenzioso, siamo convinti che una maggiore sinteticità e chiarezza nella costruzione dell’articolato contrattuale sia estremamente importante. Per questi motivi la Fenagi, alla ripresa dei lavori, proporrà di trascrivere solo art. e comma ed inserire una leggenda nell’accordo stesso nella quale riportare il contenuto degli art. e comma usati. Stante il costante mancato rispetto delle percentuali di aggio previste ai rivenditori relative ai prodotti editoriali regolari come figurine, card, bustine, la Fenagi ritiene prioritaria una nuova definizione di questi prodotti al fine di evitare un aggio inferiore a quanto previsto.

La Presidenza della Fenagi nel prendere atto della indisponibilità della Fieg a discutere il rinnovo dell’Accordo Nazionale sulla base della piattaforma unitaria, ma ritenendo che il documento unitario possa rappresentare una buona base di partenza per avviare il confronto tra le parti, ha tenuto a sottolineare i punti di forza della stessa piattaforma che la Federazione Giornalai Confesercenti ritiene prioritari per il rinnovo dell’Accordo Nazionale:

  1. DEFISCALIZZAZIONE: arrivare al superamento della defiscalizzazione ripristinando il rapporto di calcolo dell’aggio direttamente sul prezzo di copertina dei prodotti editoriali quotidiani e periodici
  2. LIMITE MINIMO DI REMUNERAZIONE garantita su tutti i prodotti interessati da riduzioni di prezzo e/o promozioni varie.
  3. REMUNERAZIONE SEMPLIFICATA E TRASPARENTE SUDDIVISA per tipologia di pubblicazione secondo la natura del prodotto editoriale regolare (quotidiano, periodico, figurine, Card, ecc,) e definite nello stesso Accordo Nazionale.
  4. REMUNERAZIONE CERTA PER QUALSIASI TIPO DI COMPIEGA PER SERVIZI AGGIUNTIVI RCHIESTI all’edicolante: si propone di stabilire una cifra fissa per ogni copia di pubblicazione interessata quale compenso per l’attività prestata dall’edicolante.
  5. CONTO DEPOSITO GARANTITO SU QUALSIASI PUBBLICAZIONE PERIODICA CON PREZZO DI COPERTNA SUPERIORE A € 5: pagamento al richiamo della resa del prodotto interessato seguendo la periodicità del prodotto stesso.
  6. ABBONAMENTI: gestione degli abbonamenti del prodotto editoriale partendo dalle condizioni già previste nel protocollo già sottoscritto tra la Fieg e le ooss Fenagi, Uiltucs , Felsa Cisl e mai applicato.
  7. TRASPARENZA: Rispristino del sito “WEB-Inforiv” con le informazioni commerciali sul prodotto distribuito e codice a barre corrispondente. “